domenica 27 dicembre 2015

Atelier A - Apricale (IM)

Quest'estate con la bella bella littlepoints... siamo stati ad Apricale (IM) ospiti di Atelier A.
Io stavo lì mentre la bella bella e brava brava littlepoints si è messa a disegnare cinque illustrazioni di alcune poesie normali che avevo scritto. Sempre tutto in maniera bella.
E insomma che adesso Atelier A ripropone, dal 27 dicembre al 31 gennaio, le opere di 31 degli artisti che sono stati in residenza e ci sono, quindi, anche le illustrazioni di littlepoints.

giovedì 24 dicembre 2015

QUATTRO OTTOBRE di Jack Daverio, Francesca Gironi, Luca Losacco


(guardatevelo bello largo, non qui piccolino... e ascoltate bene, si sente una bella dissociazione consapevole)

sabato 12 dicembre 2015

Inquieto N°6

Permesso permesso buonasera, siam qui per segnalare con estremo gaudio l'uscita del numero sei dell'Inquieto, tutta rivista, tutta illustrata tutti contenti.
Questo numero parla di cose da mangiare ma non in quel senso là della fiera che c'è stata a Milano. O forse sì, forse è in quel senso là. Nessuno saprebbe dire.
Dentro c'è pure un racconto di Filippo Balestra che è il capo di questo blog e quindi dice e fa le cose che vuole lui, compresa la punteggiatura, compresa l'ortografia, comprese le cose.
Tra l'altro, l'Inquieto è riuscito a farsi censurare da Issuu... non sapevo potesse succedere, complimenti a l'Inquieto, complimenti a Issuu. Io comunque vi metto tutti quei link lì.
Buone cose incommensurabili a voi.
"Carmina Convivalia. Banchetti per bocche asciutte". 
Il sesto numero de L'Inquieto è servito. 
Dieci racconti affamati a cura di Bernardo Anichini, Artume, Filippo Balestra, Giovanni Blandino, Burla 2222, Milo Busanelli, Fabrizio Di Fiore, Brian Freschi, Francesco Fumarola, Maria Garzo, Martin Hofer, Giovanni Marchese, Margareta Nemo, Guido Occhipinti, Enrico Pantani, Francesco Pavignano, Marco Prato, Luca Salce, Marta Sorte, Francesca Titone, Iris Viola.
Condividi, scarica e sfoglia gratuitamente da qui: http://linquieto.blogspot.it/…/12/n6-carmina-convivalia.html

Questa invece è la pagina facebook de l'Inquieto, fateci dei like belin:
PAGINA FACEBOOK DE L'INQUIETO

martedì 8 dicembre 2015

DOCTORCLIP

DOCTORCLIP – ROMA POETRY FILM FESTIVAL

VI EDIZIONE


10 – 18 Dicembre 2015 Roma, Latina, Viterbo

Sei giorni ai confini della parola a Roma e in Regione: tra poesia e videoarte, 

con le selezioni dai festival internazionali di Kiev e Berlino, i reading a 

microfono aperto, un Poetry Slam e la performance di Badara Seck.

mercoledì 2 dicembre 2015

martedì 1 dicembre 2015

POETRY SLAM AL KLAMM (Roma - Pigneto)

Questa è una garona, ok, non ci sono gare più o meno importanti, ok, basta con le gerarchie, le prese di potere, di posizione, le prese in giro, il giro d'Italia e altre cose tutte collegate tra loro. Basta. Ok. Ma questa è una garona, ve lo dico, ve la consiglio... sempre con un certo tono a seconda del tono che vi immaginate voi leggendo qui
Venerdì 4 dicembre, ore 21:30

POETRY SLAM AL KLAMM
Gara gigante - 8 poeti
Mc Filippo Balestra

In gara: Alfonso Maria Petrosino, Dimitri Ruggeri, Alessandra Racca, Alessandro Scanu, Ivan Talarico, Matteo Di Genova, Artenca Shehu, Valerio Piga.

A seguire dj set a cura di
Frangetta Special & Kriminal Pop

Artwork: Littlepoints

Ingresso libero con tessera ARCI

venerdì 27 novembre 2015

10° Anniversario Poetry Slam Vimercate

Il 1° dicembre 2005 nell'auditorium della Biblioteca di Vimercate si disputò il primo Poetry Slam in Brianza, presentato da Lello Voce.

Nel frattempo è nata la LIPS - Lega Italiana Poetry Slam

Quest'anno, il 1° dicembre 2015, nello stesso luogo si terrà il Poetry Slam, a dieci anni di distanza.

Presentato dall'eMCee Davide ScartyDoc Passoni
Campione Lombardo del campionato 2015 (nel 2005 si classificò ultimo - era il suo primo Poetry Slam)


Interverrà Paolo Agrati (campione lombardo del 2014)

Poeti in gara provenienti da tutta Italia 
Simone Savogin

mercoledì 25 novembre 2015

RANDAL POETRY SLAM

Mi sto poco dedicando a questo blog, poca costanza, poca disciplina, poco rigore etico e soprattutto troppi post de copia incolla, sacra tecnica di riempimento blog che dopo un po', però, questa tecnica, dopo un po' rompe i maroni (a me)... e allora avevo deciso di scrivere un post bello importante e bello sulla bellezza di scrivere post e sull'importanza di scrivere post e però mi sono accorto che non ne avevo voglia e allora ho deciso di fare un copia incolla di qualcosa che potesse piacermi e riguardarmi, com'è ovvio, addirittura, e allora eccolo qui:
(quello che segue è un copiaincolla da )
Il Poetry Slam è una sfida tra poeti, rapper, performers, attori, ciarlatani, urlatori che se le suonano di santa ragione a colpi di versi.
Per l'occasione il Circolo Arci Randal ha deciso di offrire il suo palco come ring.
A suonare le campane dei round, il Maestro di Cerimonia
Davide ScartyDoc Passoni (Campione Lombardo del Poetry Slam)

Ospiti d'eccezione saranno gli EELL SHOUS che proporranno una serie di assalti metrici tratti dai loro album, ma eseguiti in maniera diversa dal solito (per chi li conosce)
https://youtu.be/LgHjh5gWA08?t=1s

A chiudere la serata un po' di festa e di bisboccia con un open mic trainato da Riviera Massive

le iscrizioni sono aperte, fatevi sotto!
per info iscrizioni scrivete a scartoffia@live.it

per il regolamento nazionale e internazionale del Poetry Slam visitare 
http://www.lipslam.it/chi-siamo/regolamento-poetry-slam-italia/

Filippo Balestra
Alfonso Pierro
Jake Matthews
Giulia Cermelli
Matteo Onorato
Saro Cannella
Samuele Maide Dekkio
Isabella Disdetta

Vi ricordiamo di sostenere la LIPS con un'offerta libera al progetto SLAM IT! su musicraiser
http://www.musicraiser.com/it/projects/4611-slam-it-aa-vv

Introduciamo un nuovo metodo di premiazione:
I poeti faranno dono al pubblico delle loro poesie, e il pubblico deciderà il vincitore simbolico di questa competizione.
All'ingresso il pubblico troverà una sacca nella quale potrà mettere un dono, un giocattolo, delle cianfrusaglie, un disegno, un ringraziamento, delle monete che non siano di bronzo, etc... il vincitore del Poetry Slam si porterà a casa l'intero contenuto della sacca.
Il poeta donerà le poesie al pubblico.
Il pubblico donerà il premio al poeta.

lunedì 23 novembre 2015

'tina numero TRENTA (la rivistina di Matteo B.Bianchi)

E qui di seguito tutto il mio sempre validissimo copiancolla:

Il nuovo numero di ‘tina, la rivista di narrativa indipendente che curo da una spropositata quantità di anni, è finalmente pronto. Dopo il successo dell’ultimo numero, anche questo esce in versione cartacea, e sempre in edizione limitata.
Moltissime sono le novità che lo riguardano, a partire dal formato: se il precedente era un volumetto extra-pocket, che si poteva contenere in una mano, questo -per reazione- è di grandi dimensioni. Un ‘tina formato tabloid che ricorda quello dei quotidiani, realizzato dal genio grafico di Andrea Bozzo.  
L’immagine di prima pagina ancora una volta è opera di un celebre artista, Emiliano Ponzi, uno degli illustratori italiani più affermati in Italia e nel mondo, che con grande generosità non solo ha regalato la cover della rivistina, ma ha anche coinvolto gli studenti del corso di illustrazione che tiene ogni anno per il Mimaster di Milano, rendendo così questo il primo numero di ‘tina interamente illustrato. 
Gli scrittori presenti nel numero sono un mix di esordi e affermazioni, e includono i debuttanti Natan Mondin e Walter Comoglio, i nomi già noti di Emanuele Kraushsaar e Giorgio Pirazzini, e un racconto inedito firmato dal cantautore Niccolò Contessa, noto nel mondo musicale come “I Cani”.
Il numero è stampato in sole 200 copie, firmate e numerate, e non ci sarà nessuna ristampa successiva. 
La prima occasione per mettere le mani su questi rarissimi esemplari è lunedì prossimo, 30 novembre, dalle 18 alle 20, all’Upcycle café, di via Ampere 59 (fermata metrò Piola), a Milano. Come da tradizione, non ci sarà alcuna presentazione, né un reading: solo un’occasione per bere qualcosa insieme scambiare due chiacchiere.
Una secondo incontro è in programma per Roma, in data da comunicare, e forse una terza città, ancora da definire.

Intanto, vi aspetto lunedì prossimo.  

venerdì 20 novembre 2015

Dear Vonnegut

L'ha messa Michele Orti Manara su Twitter... perché abbiamo io e Michele Orti Manara abbiamo Twitter, e allora l'ho vista, e allora l'ho messa, bisogna cliccarci, mi sa...
Sì, per leggerla bisogna cliccarci sopra...!

martedì 10 novembre 2015

Graziano Graziani | Atlante delle micronazioni @Libreria FalsoDemetrio (GE)

Il giorno 11 novembre, ore 18:30 ci sarà la presentazione dell'Atlante delle micronazioni (Quodlibet) alla Libreria Falso Demetrio di Genova.
Io consiglio a tutti di venir, metto qui la copertina del libro:
e il solito link all'evento fb dove ci sono scritte alcune di queste cose che adesso copioeincollo:
Mercoledì 11 novembre

Ore 18:30

Graziano Graziani presenta Atlante delle micronazioni, pubblicato per i tipi di Quodlibet, chiacchierando con Filippo Balestra.

--

Di motivi per fondare una nazione ce ne sono tantissimi: idealismo, goliardia, politica, persino l’evasione fiscale. Qui si raccontano i casi più strani e suggestivi di una pratica molto più diffusa di quanto ci si immagini, dichiarare l’indipendenza di una microscopica parte di territorio e proclamarsi re o presidente, almeno in casa propria.

--

Pochi sanno, ad esempio, che oltre a San Marino e al Vaticano, esistono in Italia un paese e un’isoletta che vantano la sovranità assoluta sui propri territori, sulla base di diritti acquisiti prima dell’unità d’Italia; o che in Australia è stata fondata una nazione per tutelare i diritti degli omosessuali, mentre in Africa e in Sud America alcuni «stati inesistenti» hanno dichiarato l’indipendenza al solo scopo di emettere buoni del tesoro fittizi. Questo libro vuole essere un atlante di storie e personaggi, una geografia di luoghi a metà strada tra realtà e immaginazione e che spesso si dissolvono con la scomparsa del loro fondatore. Piccole epopee che, nel bene e nel male, portano al parossismo l’irriducibile voglia di indipendenza e autonomia dell’uomo.

-- -- -- -- -- -- --
Ma voglio mettervi anche dei pezzetti di Costituzioni che ho rubato dal libro... qui sotto, intanto, metto la bandiera del Regno di Elgaland-Vergaland e l'articolo 16 della Costituzione del Regno dove sono elencati tutti i diritti dei cittadini:
Bandiera del Regno di Elgaland-Vergaland
a) il diritto di disporre della propria esistenza e del proprio comando
b) il diritto di esistere liberamente in ogni territorio
c) il diritto di risiedere in ogni territorio
d) il diritto ai propri ideali
e) il diritto di circolare liberamente in ordine gerarchico
f) il diritto di tutto e di più
g) il diritto del mezzo
h) il diritto di niente e di meno
i) il diritto di prendere l'acqua sulla testa
j) il diritto di interpretare la Costituzione affinché dia beneficio allo Stato e ai suoi cittadini
k) il diritto a un passaporto
l) il diritto a una doppia cittadinanza
m) il diritto di difendere e espandere lo Stato di Elgaland-Vargaland
n) il diritto di andare e moltiplicarsi
o) il diritto di praticare la propria religione
p) il diritto alla vita eterna.

Oppure la bellissima Costituzione della Repubblica di Užupis, nella città di Vilnius, in Lituania
1. Chiunque ha il diritto di vivere sul fiume Vilnia, e il fiume Vilnia ha il diritto di scorrere attorno a  chiunque.
2. Tutti hanno il diritto all'acqua calda, al riscaldamento d'inverno e a un tetto.
3. Tutti hanno il diritto di morire, ma non è un obbligo.
4. Tutti hanno il diritto di fare errori.
5. Tutti hanno il diritto all'individualità.
6. Tutti hanno il diritto di amare.
7. Tutti hanno il diritto di non essere amati, ma non necessariamente.
8. Tutti hanno il diritto di non essere eccelsi e famosi.
9. Tutti hanno il diritto di oziare.
10. Tutti hanno il diritto di amare e prendersi cura di un gatto.
11. Tutti hanno il diritto di badare a un cane fino a quando uno dei due muore.
12. Un cane ha diritto di essere un cane.
13. Un gatto non è obbligato ad amare il suo padrone, ma deve aiutarlo nei momenti di difficoltà.
14. A volte si ha il diritto di essere inconsapevoli dei propri doveri.
15. Tutti hanno il diritto di avere dei dubbi, ma non è obbligatorio.
16. Tutti hanno il diritto di essere felici.
17. Tutti hanno il diritto di essere infelici.
18. Tutti hanno il diritto di stare in silenzio.
19. Tutti hanno il diritto avere fede.
20. Nessuno ha il diritto alla violenza.
21. Tutti hanno il diritto di apprezzare la propria scarsa importanza.
22. Nessuno ha il diritto di avere un progetto per l'eternità.
23. Tutti hanno il diritto di comprendere.
24. Tutti hanno il diritto non capire.
25. Tutti hanno il diritto di appartenere a diverse nazionalità.
26. Tutti hanno il diritto di celebrare o non celebrare il compleanno.
27. Tutti dovrebbero ricordare il proprio nome.
28. Tutti dovrebbero condividere ciò che possiedono.
29. Nessuno può condividere ciò che non possiede.
30. Tutti hanno il diritto di avere fratelli, sorelle, genitori.
31. Tutti possono essere indipendenti.
32. Ognuno è responsabile della propria libertà.
33. Tutti hanno il diritto di piangere.
34. Tutti hanno il diritto di essere fraintesi.
35. Nessuno ha il diritto di far sentire in colpa un'altra persona.
36. Tutti hanno il diritto di essere unici.
37. Tutti hanno il diritto di non avere diritti.
38. Tutti hanno il diritto di non avere paura.
39. Non combattere.
40. Non reagire.
41. Non arrendersi.

venerdì 30 ottobre 2015

Straordinari // Fabio Tonetto al RAT (TO)

" STRAORDINARI " 
opening 
WEDNESDAY NOVEMBER 4 
Rat - via San Massimo 7 bis

Turin, Italy

----------------------------
" STRAORDINARI "
Inaugurazione
MERCOLEDÌ 4 NOVEMBRE
Rat - via San Massimo 7 bis
TORINO

Saluti da Andrea Drediciotti

venerdì 23 ottobre 2015

Alfonso Maria Petrosino - ostello della gioventù bruciata @Libreria Falso Demetrio (GE)

E poi invece andiamo tutti quanti a sentire Alfonso Maria Petrosino leggere dalla sua ultimissima raccolta "ostello della gioventù bruciata", pubblicato da Miraggi Edizioni.
Petrosino è uno che ha partecipato a diversi poetry slam e ne
ha inspiegabilmente vinti tantissimi. Tantissimi. Anche quando in competizione c'era il Balestra che è appunto uno dei migliori ed è anche quello che tiene questo blog e scrive adesso di se stesso dandosi del lui.
Petrosino non è uno di quelli faciloni dal verso libero, no, usa strutture classiche e metriche e spara endecasillabi con estrema facilità. Riesce a essere classico e sorprendente allo stesso tempo, e in questa raccolta poetica, poi, tra le altre, c'è Amsterdam Free Hugs, e c'è questa rima tra "blowjob" e "orologio"... ma detta così è sminuente, ve la devo mettere tutta:

Amsterdam Free Hugs
di Alfonso Maria Petrosino

Una serata tanto tempo fa 
andavo dove mi portava il vento 
e non so più se per l’umidità 
o forse per l’umore del momento 
le lacrime sgorgavano dagli occhi. 

In bicicletta andavo per le piste 
ciclabili, accostandomi ai canali 
pericolosamente ed ero triste 
quando sentivo miei connazionali 
paragonare il paese dei balocchi 

ad Amsterdam. Dov’è, dov’è Lucignolo? 
Le porte si aprono di un coffee shop 
fuoriesce fumo come da un comignolo 
e poi risate, ritornelli pop 
e colpi irrefrenabili di tosse. 

Così facendo leva sui pedali 
per Amsterdam vagabondavo in bici 
ed inarcandomi per quei canali 
senza una lira in tasca e senza amici 
mi imbattei nel quartiere a luci rosse. 

Lego la bici a un palo e mi avventuro 
nei vicoli davanti alle vetrine. 
Le ragazze che appaiono nel muro 
indossano push-up e mutandine, 
e quanto al resto sono tutte nude. 

Intorno a me una folla ridanciana, 
cortei di uomini e squallori a strascichi. 
Mi accosto a una vetrina e una puttana 
mi apre e le chiedo: “How ’bout a kiss? How much is it?” 
Fa un passo indietro allora ma non chiude. 

Ci pensa un attimo e risponde un bacio no, 
che un bacio non me lo potrei permettere. 
Mi rendo conto intanto che mi piacciono, 
oltre alle curve e al solco fra le tette, 
i suoi bicipiti, le braccia e gli omeri. 

Per cinquanta mi avrebbe fatto un blow job, 
io cinquant’euro non li avevo e allora 
le ho chiesto se volesse il mio orologio 
ma non le piace controllare l’ora 
e alle lancette preferisce i numeri. 

Vado ma lei, lasciandomi interdetto, 
dice che può darmi un abbraccio free. 
Io non ho soldi, sono triste e accetto. 
Varco la soglia, oltre la tenda e mi 
ritrovo accanto a tanta nudità. 

Mi dice che non devo dirlo in giro. 
M prende tra le lunghe braccia e tiene 
stretto e posso sentire il suo respiro 
e mi sussurra che va tutto bene, 
che questa mia tristezza passerà.

martedì 20 ottobre 2015

Jacques Prevert - Il controllore

Allons allons
Pressons
Allons allons
Voyons pressons
Il y a trop de voyageurs
Trop de voyageurs
Pressons pressons
Il y en a qui font la queue
Il y en a partout
Beaucoup
Le long du dé barcadère
Ou bien dans les couloirs du ventre de leur mère
Allons alllons pressons
Pressons sur la gâchette
Il faut bien que tout le monde vive
Alors tuez-vous un peu
Allons allons
Voyons
Soions sérieux
Laissez la place
Vous savez bien que vous ne pouvez pas rester là
Trop longtemps
Il faut qu'il y en ait pour tout le monde
Un petit tour on vous l'a dit
Un petit tour du monde
Un petit tour dans le monde
Un petit tour et on s'en va
Allons allons
Pressons pressons
Soyez polis
Ne poussez pas.

--- --- ---

Avanti avanti
Svelti
Avanti avanti
Su svelti avanti
Ci son troppi passeggeri
Troppi passeggeri
Svelti svelti
Ce n'è che fan la coda
Ce n'è dappertutto
E molti sono sparsi lungo la banchina
Oppure nei meandri del ventre della madre
Avanti avanti accalcatevi
Calchiamo sul grilletto
Bisogna pure che tutti possan vivere
Allora uccidetevi un pochino
Avanti avanti
Via
Siamo un po' seri
Lasciate il vostro posto
Lo sapete che non potete stare qui
Troppo a lungo
Bisogna che ce ne sia per tutti
Un giretto ve l'abbiamo detto
Un giretto del mondo
Un giretto nel mondo
Un giretto e poi via
Avanti avanti
Svelti svelti
Siate gentili
Non spingete gli altri.

lunedì 19 ottobre 2015

Sognando Maria Callas @Libreria Falso Demetrio (GE)

Ciao,
sono Filippo Balestra,
volevo dirvi che si terrà una presentazione di Sognando Maria Callas, il romanzo di Alessandro Ansuini edito da Meridiano Zero... qui sotto, da qualche parte in questo blog, ne avevo un po' parlato ma in realtà non sono mai riuscito a parlarne bene perché nel blog non scrivo recensioni e non ho più un buon sito di riferimento ove pubblicare le recensioni e pensare che per questo libro mi era venuto pure in mente un grafico con gli assi x, y, e z da disegnare per benino e strutture narrative da mettere lì in mezzo allo spazio e al tempo... quindi forse insomma alla presentazione ci sarò anch'io e forse disegno un grafico, la libraia Ilaria non l'ho ancora avvisata, io però forse disegno a un certo punto un grafico con piani inclinati e rette che intersecano e curve che tangono... ma questa cosa non ci interessa...
Ci interessa invece sapere che  il giorno 22 ottobre viene Alessandro Ansuini qui a Genova e facciamo questa presentazione in cui Alessandro parla e io parlo e se poi quelli del pubblico parlano vorrà dire che ci sarà da parlare per tutti. Questo era quello che volevo dire... ciao ancora.. pippo

sabato 10 ottobre 2015

NEL TEMPO LIBERO LAVO I CANI // Milano @CiCCo Simonetta

NEL TEMPO LIBERO LAVO I CANI (link evento FB)
ospiti della serata: Agrati + Pirovano + Pirini + Balestra
Hanno fatto un altro di quei fotomontggi, ragazzi vi giuro che non sono così bassa
E voi che cosa fate nel tempo libero? Non che la cosa ci interessi granchè. 
Il terzo giovedi di ogni mese ci si trova al Cicco Simonetta per una serata importantissima che ha a che fare con le parole. Un appuntamento che si protarrà (protarrà …capito?) fino a maggio circa e che vedrà l’alternarsi sul palco d’ illustrissimi ospiti , che più illustri non si poteva. 

Ingresso 5 euri con tessera arci
Se avete dei cani portateli. Anche dello shampoo.

FLAVIO PIRINI
Cantautore, esploratore del genere teatro canzone, ne adegua il linguaggio al proprio.
Se però cliccate su flaviopirini.it vengono fuori solo offerte di scarpe timberland.

PIPPO BALESTRA
Pippo Balestra legge le poesie normali che talvolta sono molto
piccole e talvolta troppo grandi. La lettura procede liscia ma spesso si trattano argomenti scomodi: orsi nelle grotte, navi giganti, intellettuali nella spazzatura, labirinti sbagliati e altri temi attuali e scottanti come la penicillina. Potrebbe essere molto rischioso. L'unica possibilità che rimane è non ascoltare ma sarebbe un peccato non ascoltare.

martedì 6 ottobre 2015

Guida pratica al sabotaggio dell'esistenza - Roberto Mandracchia

   Potremmo verniciare di rosso le lapidi giù al cimitero, dice Gero lanciando la sua cicca sul tettuccio di un'auto che passa.
   Anche se nessuno griderebbe al miracolo, dice Gero facendo il segno della croce a modo suo. Poi accende un'altra sigaretta.
   Gero non capiva che i garogentini avrebbero urlato al miracolo, per poi andare tutti davanti alle prodigiose lapidi a genuflettersi e a piangere. Qualsiasi cosa portata all'eccesso contiene sempre il suo opposto.

domenica 4 ottobre 2015

Matthew Salacuse

Matthew Salacuse ha un progetto fotografico che si chiama Negative Collection; va a cercare i negativi nei mercatini, roba buttata, dimenticata, e poi li stampa per vedere cosa ne viene fuori...
Ho trovato l'articolo su Il Post e ho rubato una foto, questa (mi piace perché c'è uno che scrive sul taccuino):
Qui il sito di Matthew Salacuse

domenica 20 settembre 2015

InEdito 2015 | Etcetera Etcetera

InEdito 2015 | Mostra, fiera dell’editoria, festival di letteratura, festa, mercato, simposio | Etc. Etc.

>> InEdito / Mostra
Un allestimento - display che ospita un palco, la torre radio per la diretta con Radio Onda d’Urto, Router Radio e Share Radio, la libreria collettiva

>> InEdito / Fiera dell’editoria
Con Ubulibri, HazardEdizioni, L’Orma, Edizioni Corsare, Bebert, Autodafè Edizioni, Kaos Edizioni, Nuages Edizioni, Edizioni E/O, La grande illusion, Cuepress, Vololibero Edizioni, Miraggi Edizioni, Agenzia X, Elèuthera, Sur, Minimum Fax, NDA Press, Manni Edizioni, Goodfellas, Milieu, DeriveApprodi, Sandro Teti edizioni, La Mongolfiera Editore, NN edizioni

>> InEdito / Festival di letteratura
Venerdì 25: Marco Peano, Federica Giardini, Stefano Andreoli (Spinoza.it), Paolo Agrati, Clara Vajthò, Pippo Balestra, Guido Catalano, Reaserch Milano
Questa foto qui rappresenta delle personalità perlomeno importanti che si metteranno a leggere le poesie a un certo punto, verso le 22:00, credo. Gente seria, gente con tutt'una preparazione atletica alle spalle, gente che sa quel che vuole, che sa quel che dice anche all'improvviso.
Sabato 26: Franco La Cecla, Nanni Balestrini, Franco Brambilla, Antonio Moresco, Roberto Farina, Collisioni (performance teatrale), Marco Rossari & Marco Rigamonti (reading musicale su Pier Vittorio Tondelli), Giacomo Casti & Francesco Medda (reading su Sergio Atzeni), Massimo Zamboni & Cristiano Roversi

Domenica 27: Wolf Bukowski, Michela Potito & Sara Casna, Giorgio Fontana e Danilo Deninotti, progetto “Ti faccio il filo”, Flavia Monceri, Tommaso Urselli & Beppe Sordi (performance teatrale), Livia Grossi (performance teatrale), Paolo Cognetti

>> InEdito / Festa
In collaborazione con Genuino Clandestino e Spazio Fuori Mercato, cucina sempre aperta e stand con produttori e viticoltori clandestini

>> InEdito / Etc Etc
Vi aspettiamo il 25, 26, 27 settembre
Macao, Nuovo Centro per le Arti e la Cultura
Viale Molise 68, Milano
Ingresso libero. Per finanziare il progetto di InEdito e per salvare un libro dal macero dona 5€ e avrai in cambio un libro a tua scelta tra quelli della campagna maceroNO

giovedì 3 settembre 2015

2 cose belle in 2 posti diversi (Muzzano/La Spezia)

Ecco,
metto qui due cose interessanti che capiteranno negli stessi giorni ma in posti diversi lontani l'uno dall'altro, com'è tipico dei posti lontani. I posti lontani sono sempre lontani l'uno dall'altro, entrambi, reciprocamente, non uno sì e l'altro no. Ok?

Comunque queste 2 cose in 2 posti diversi sono:

Il Festival della Mentina (link fb) che fanno a Sarzana, in provincia di La Spezia, fanno una versione ridotta del più noto Festival della Mente, mi pare qualcosa di interessante, mi sarebbe piaciuto partecipare al Festival della Mentina per fare una di quelle letture di poesie normali, ma la triste verità è che non mi hanno mai nemmanco risposto, io proponevo tutti i miei pregi speciali messi lì, per benino.. invece niente... saranno indaffaratissimi.
E invece,
son contento perché c'è Facciamo la Corte #2 (link fb) e ci vado a fare qualcosa, qualcosa che ancora potrebbe trasformarsi all'improvviso ma sempre in qualcosa, a Muzzano, lì vicino a Lugano, questa che sembra una festa, qualcosa che potrebbe trasformarsi, appunto, in una festa, un qualcosa, e son molto curioso perché mi sa che mi capiterà di incontrar della bella gente.
VI FACCIAMO LA CORTE!!!!
4 e 5 Settembre 2015!
Entrata: 10 CHF a serata
--------------------------------------------------------------
!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! VENERDÌ !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
CONCERTI E DJ SETS
The Pussywarmers & Réka (Ticino / Muzzano) 
Los Orioles (Bienne)
Les Somnambules (Belgio/Europa) 
One Hundred Blooms (Agnuzzo)

TJ Spool (Lucerna) 

TEATRO / LETTURE / ARTISTI DI STRADA

Imbuteatro (Ticino)

Mototrabbasso (Italia)
--------------------------------------------------------------
!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! SABATO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
CONCERTI E DJ SETS
Mdou Moctar (Niger)
Duck Duck Grey Duck (Ginevra)
Magic and Naked (Ginevra)
Les Somnambules (Belgio/Europa)
Bandella di Bedano (Ticino)
Alessandro Fiori (Italia)
DJ Ms Hyde (Zurigo)
TEATRO / LETTURE / ARTISTI DI STRADA
Ippolita Baldini (Italia)
Luca Chieregato (Italia)
Marko Miladinovic (Ticino)
Paolo Agrati (Italia)
Filippo Balestra (Genova)
--------------------------------------------------------------

Insomma, a chi sta di là, a chi sta di qua, queste sono le cose che volevo abbondantemente dirvi.
E buonanotte al secchio.

--- (Però pensavo: possiamo forse ad esempio dire che la Gran Bretagna è vicina alla Nigeria ma la Nigeria non è per niente vicina alla Gran Bretagna? mmm)---

mercoledì 2 settembre 2015

Andrea Inglese - poesia estiva & domenicale

Avevo promesso di scrivere una poesia estiva & domenicale. Ecco, prima di mezzanotte.

giovedì 27 agosto 2015

Alessandro Burbank - DI COSA STAVAMO PARLANDO - TE LO RICORDI?


Mi hai chiesto cos'era successo e poi dove si andava 
ti ho detto ormai che adesso non si faceva niente 
e poi ci siamo guardati in fronte e ci siamo chiesti 
di cosa si stava parlando, quale fosse il nostro intento 
quale fosse il nostro argomento - e ci siamo visti i nasi 
com'erano profondi ci abbiamo messo le mani dentro
come a scavare tu nella tua borsa nuova, io nel mare.
E mentre scavavamo nei rispettivi nasi – con le narici
aperte per annusarci i corpi che ci eravamo spalancati
nel silenzio a tuffi carpiati tu mi hai urlato dal profondo
del mio naso e io ti ho chiamata dal profondo del tuo naso
e ti ho chiesto - e me lo hai chiesto anche tu mi sembrava:
DI COSA STAVAMO PARLANDO - TE LO RICORDI?
Avevo iniziato il discorso dicendo dei tuoi occhi e
e allora siccome sono timido alla fin fine ho spostato
l'argomento sul tuo naso e ora guardaci, ci siamo persi
nei nostri nasi – annusandoci come i cani nei sederi,
nei nasi, negli angoli bui dei posti che frequentiamo
sentendoli nostri anche se poi li ignoriamo, eccoci
dentro il naso abbiamo preso le distanze dal mondo
perdendoci in questo discorso profondo, e tu annusa
anche se non mi sono ancora lavato, ormai sei andata
così dentro il naso che puoi sentire dove iniziano le cose
prima che vengano annusate, e poi dimenticate come
quello che ti stavo dicendo sul profumo dei tuoi occhi.

sabato 15 agosto 2015

Intervistarsi il piede

Viste le date calendaristiche e le condizioni meteo incrociate e avverse, non c'è niente di meglio da fare, a quest'ora, mi pare, che intervistarsi il piede.

Intervistarsi il piede è comodo perché non bisogna raggiungerlo da qualche parte, accordarsi per un appuntamento in una piazza pubblica con la solita scusa del caffé e un paio di domande.
No, intervistarsi il piede è molto comodo perché se ne resta, solitamente, attaccato alla fine della gamba.

Mi metto lì pronto a fare la prima domanda e lo guardo dall'alto in basso ma subito si crea una situazione di evidente disparità.
Allora mi metto sdraiato a terra con il piede appoggiato al muro in modo da invertire questa prevaricazione obbligatoria, ribaltare questo dar per scontato che il piede debba per forza essere qualcosa che sta sotto.
Però adesso è lui che guarda me dall'alto, mi sento in soggezione, è la prima volta che mi sento così osservato dal mio piede, vorrei cominciare con la prima domanda ma mi sembra che ci stia prendendo gusto, adesso, a guardarmi dall'alto in basso. La cosa mi scoccia.

Intervisterò un presidente.
Ragazza che si intervista il piede, io non ce la faccio