martedì 29 maggio 2018

Chiavari Poetry Slam @Festival della Parola

Il poetry slam della L.I.P.S. sbarca al Festival della Parola di Chiavari!

► 1 microfono
► 6 dei migliori slammer d'Italia
► 3 minuti a testa

Testi propri. No oggetti o costumi di scena. No accompagnamento musicale. Solo corpo e voce.

Il vincitore lo decidete voi!

Maestri di Cerimonia: Filippo Balestra e Andrea Fabiani di Genova Slam!Il poetry slam della L.I.P.S. sbarca al Festival della Parola di Chiavari!

► 1 microfono
► 6 dei migliori slammer d'Italia
► 3 minuti a testa

Testi propri. No oggetti o costumi di scena. No accompagnamento musicale. Solo corpo e voce.

Il vincitore lo decidete voi!

Maestri di Cerimonia: Filippo Balestra e Andrea Fabiani di Genova Slam!

Ed eccoli qui!
I 6 che si contenderanno il primo poetry slam della storia di Chiavari!
Si tratta di:
Sono bravi/e e pure belli/e!
Vogliategli bene. Noi gliene vogliamo già un bel po'!

lunedì 28 maggio 2018

Gianmarco Tricarico - Per rimboccarti le coperte

per rimboccarti le coperte
per rimboccarti le coperte
mi son slogato il polso
mi è caduto sul fegato
il cuore
ha fatto un tonfo sordo
tosse fredda la tua
scrivo spesso
cose tristi
parlo di malattie
di cosucce curabili
di febbriciattole passeggere
perché lì posso giocare
giocare a pensare
alla morte rimbambita
al tuo corpicino senza vita
allo strazio
senza luce
alla campagna mia appassita
per rimboccarti le coperte
son diventato forte
perché è cosa da niente
la morte
basta non fare corrente
basta non lasciare aperte
due porte

mercoledì 23 maggio 2018

Poesie Normali e littlepoints... al Belfiore 9 (MI)

Belfiore 9 Milano torna con il suo decimo evento in un meraviglioso terrazzo in zona Sant’Agostino dove avrete la possibilità di godere ancora una volta della magia dell’Art Sharing.

Belfiore 9 nasce per creare uno spazio in cui vivere e condividere diverse forme d’arte: musica, esposizioni, reading, performance teatrali e tutto quello che si può portare in un salotto =)

---'''---,,,---'''---,,,---'''---,,,---'''---,,,---'''---,,,---'''---,,,---'''---,,,---'''---,,,---'''---,,,---'''--

Per partecipare acquista subito il tuo biglietto su https://www.belfiore9.org/it/event/belfiore-9-milano-26-05-2018/.

Dopo aver acquistato il biglietto riceverai un messaggio con l'invito personale su cui troverai l'indirizzo per raggiungerci.

---'''---,,,---'''---,,,---'''---,,,---'''---,,,---'''---,,,---'''---,,,---'''---,,,---'''---,,,---'''---,,,---'''--

Ci sarà:

★ Musica
Nicola Savi FerrariAntonio BovePasquale Guarro

★ Reading poetico
Filippo Balestra
Giorgia Cafaro

★ Teatro
Isabella Cremonesi (attrice) e Martina Milzoni (musica)

★ Esposizione artistica
Little Points

***Presenta Davide ScartyDoc Passoni***

I posti sono comodi ma non sono molti :)

Da oggi puoi raggiungerci utilizzando il nuovo servizio di carpooling/trasporto sociale “Heetch.
Inserisci Promo Code: “BELFIORE9
Info&download --> https://www.heetch.com/it/

martedì 22 maggio 2018

FILIPPO BALESTRA | UN SENSO SENZA DIREZIONE (tre mie poesie su Argo)

L'altro giorno parlavo con una marciona e non si capiva bene quel che diceva comunque le ho spiegato che io scrivo le poesie e ci siamo detti che, ok, dire Sono poeta, è sempre un azzardo, quasi arrogante, che pensavo ad Orfeo, ad esempio, lui era poeta e io non so niente di Orfeo, c'è molto da studiare e in particolare, mi pare, il poeta dovrebbe studiare tutto, mica soltanto la poesia, dovrebbe studiare le scienze cognitive, ad esempio, e l'economia, ma anche dovrebbe studiare le ragnatele (come fanno a farle?) e le lontre, ad esempio, ad esempio l'altro giorno in porto antico ho salvato un piccione che stava subendo l'efferato attacco di un gabbiano tronfio pettoruto bastardo e mi sono sentito poeta, mi sono sentito poeta anche poi dopo, quando mi sono seduto con un panino e una birra moretti piccola, 2,5 euro in tutto, e comunque parlavo con questa drogata e le dico che sono poeta ma le dico anche che dire Sono poeta non si potrebbe dire e lei mi dice, mi è parso di capire, nel mezzo della bava che le scivolava tra i denti marci, che l'importante è averne scritta almeno una, una che ti pare proprio poesia, e mi ha convinto.
Qui adesso metto un link, ci sono tre mie poesie che per me sono poesie, sono in particolar modo affezionato a queste tre perché quando ho finito di scriverle mi sono accorto che tremolavo e avevo il respiro affannato, quello per me è buon segno, se tremolo e mi affanno quando scrivo. Poi dopo ok, devi ritoccarle, il labor limae, sì, certo.
Sono poesie non nuove, spero di scriverne altre, spero di scriverne belle, nel frattempo ringrazio Paolo Agrati che ha voluto inserirle in questa rubrica di Argo, c'è anche il video di Sieva Diamantakos per il suo blitzar media, insomma è bello che ci intersechiamo, che le cose accadono e noi andiamo dietro alle cose facendole poi accadere così che poi loro accadono, e noi ci andiamo dietro

giovedì 17 maggio 2018

Balestra&Fabiani - Letture a sorsi @kowalski (GE)

Un evento targato Genova Cocktail Week per uscire dagli schemi rigidi della miscelazione.

Giovedì 17 Maggio, alle ore 21.30, Kowalski e Libreria falsoDemetrio presentano insieme: "Letture A Sorsi", una selezione di testi alcolici della letteratura est Europea scelti per rappresentare un viaggio "alticcio", ma altamente culturale, attraverso pagine di grandi autori propiziate da fragorose bevute.
Una serata dedicata a nomi importanti, i cui scritti saranno letti in sala dal duo Balestra - Fabiani, per accontentare anche chi del bere vuole... sentir parlare.

lunedì 7 maggio 2018

Sergej Dovlatov - Compromesso (Lida gli sorrise)

Compromesso sesto
Era lì che fumava Valentin Cmutov, un fallito cronico. Cmutov era un attore. La natura gli aveva fatto un dono, una bella voce bassa dal timbro straordinario. Faceva lo speaker. Sei mesi prima gli era successa una cosa tragica. Cmutov doveva aprire al mattino presto una trasmissione che andava in onda in diretta. Doveva pronunciare solo qualche parola: <Cari ascoltatori! va in onda il programma settimanale "Salve, compagno>. E basta. Poi c'era la musica e la registrazione. E Cmutov si sarebbe preso i suoi undici rubli. 
Cmutov era entrato in cabina, si era seduto. Aveva avvicinato il microfono. Aveva ripetuto mentalmente il testo. Si era rimboccato i polsini in modo che i gemelli non sbattessero sul tavolo. Aveva atteso che si accendesse la lampadina <IN ONDA>. La sera precedente aveva bevuto ed era afflitto dalla malinconia. La lampadina non si accendeva.
- Cari ascoltatori!- aveva pronunciato Cmutov pensoso.
A fatica si snodava la lingua arsa dal liquore. La lampadina non si accendeva. 
- Cari ascoltatori! - aveva ripetuto nuovamente Cmutov - che schifo... Cari ascoltatori... Accidenti ieri h proprio esagerato...
La lampadina non si accendeva. Come risultò in seguito, era fulminata... capita una volta ogni cent'anni.
- Va in onda il programma settimanale - aveva continuato a provare Cmutov - oh, cazzo, basta, giuro che smetterò di bere...
Dietro il vetro si era profilato il muso contratto del direttore. Cmutov si era sentito venir meno. Si era spalancata la porta. Lo speaker, nonostante la resistenza offerta, era stato scacciato sulle scale. I suoi giuramenti del dopo-sbornia avevano fatto il giro del mondo. L'attore era stato licenziato... Ma la storia non finisce qui.
Cmytov era partito per Pskov. Era stato assunto come speaker alla radio. Le trasmissioni radio locali si tenevano per circa un'ora e mezza al giorno. Il resto del tempo la frequenza era occupata da Mosca e Leningrado. 
Cmutov se la godeva. Era considerato un maestro della capitale.
Una volta, stava conducendo una trasmissione. Inaspettatamente la porta aveva cigolato. Era entrato un grosso cane marrone (di chi era? da dove veniva?). Cmutov, cauto, lo aveva accarezzato. Il cane aveva serrato le orecchie e chiuso le palpebre. Il naso, come un minuscolo guantone da boxe, gli luccicava.
- I lavoratori del vigglaggio riferiscono - aveva detto Cmutov.
A quel punto il cane d'un tratto s'era messo ad abbaiare. Forse per la felicità. Evidentemente non era troppo abituato alle coccole.
- I lavoratori del villaggio riferiscono... bau! bau! bau!
Cmutov era stato licenziato di nuovo. Questa volta per sempre e da ogni luogo. Quando aveva raccontato del cane, non gli avevano creduto. Avevano stabilito che era stato lui ad abbaiare nei fumi della sbronza.
I falliti li evitano tutti, Lida gli sorrise.

venerdì 4 maggio 2018

Atti Impuri Poetry Slam – Torneo a squadre: Atto Quarto


Atti Impuri Poetry Slam – Torneo a squadre: Atto Quarto

Maggio vai adagio: ma se si tratta dell’Atti Impuri Poetry Slam si va a tutta birra! Ospiteremo infatti la quarta gara della Competizione a Squadre dell’Atti Impuri Poetry Slam.

Presentatori ormai noti l’iperbolico Arsenio Bravuomo e il fantasmagoricoFrancesco Deiana.

Le squadre in questo girone saranno così composte:

Ricordate: se volete mangiare prenotare vi assicura un posto a sedere e tante cose buone da mettere sotto i denti!
Il posto al tavolo è garantito solo per chi viene a mangiare alle 20.00 (è scomodo mangiare in piedi!). Potete comunque venire dopo, se ci sono posti liberi potete accaparrarveli e in più abbiamo sedie e sgabelli in abbondanza e una grande quantità di pavimento.
Potete dirci quanti siete compilando il modulo che trovatesul nostro sito:http://www.lunastorta.eu/wordpress/portfolio-item/atti-impuri-poetry-slam-torneo-a-squadre-atto-quarto/