lunedì 30 novembre 2009

Esperimento d'inattualità

SAN REMO 2009:

Ha vinto Arisa e facciamo una recensione della canzone "Sincerità":
RECENSIONE:

"Carina però dai"

E' vero, siamo un po' in ritardo ma la redazione di casaeditricegigante aveva da rifinire gli stucchi decorativi della boccia del pesce rosso che non volevano ma che poi è così simpatico che si sono tenuti. Però dovevano pur scrivere un articolo su Arisa, la vincitrice del festival di San Remo. Quindi, finito d'intonacare gli stucchi, hanno ultimato quella breve recensione sul singolo "Sincerità" imbattendosi col problema dell'attualità: Arisa e il suo strano mondo non sono più argomenti di pubblico interesse tantomeno d'interesse generale.

Ci Dispiace Arisa, begli gli occhiali.

Firmato
Ernesto CrestediGallo,
Capodirettorecapo
Responsabile punti di Sutura, di Sakura e anche Musica

sabato 28 novembre 2009

E' Cioran quindi chiedete a lui.

"Che una realtà si nasconda dietro le apparenze è, tutto sommato, possibile; che il linguaggio possa esprimerla, sarebbe ridicolo sperarlo. Perché allora farsi carico di un'opinione piuttosto che di un'altra, perché indietreggiare davanti al banale o all'inconcepibile, davanti al dovere di dire e di scrivere tutto e il contrario di tutto? Un minimo di saggezza ci obbligherebbe a sostenere tutte le tesi contemporaneamente, in un eclettismo del sorriso e della distruzione." - Emil Cioran (Sillogismi dell'amarezza - Ed. Adelphi)

"Emil Cioran una volta ha pure parlato male di Walter Zenga. E ha fatto bene." - Walter Zenga (Parare in rete: il portiere tra web, albergo e erbetta verde del campo da calcio - Edizioni Dizioni)

mercoledì 25 novembre 2009

Appunti sull'identità di Casa Editrice Gigante

Casa Editrice Gigante è fatta di lettere per lo più minuscole ma in buona parte maiuscole. Auspica l'uso di verbi elevati, come auspicare, e ottempera pure, se vuole, a volte.
Casa Editrice Gigante ha un'identità a forma di scogliera costantemente erosa dal mare. Oppure ha forme di mare che batte sugli scogli (e erode).
Casa Editrice Gigante venderebbe anche saponidetergentibrillantanti, se gli piacesse farlo. Per questo si interessa a sapere come potrebbe mai arrivare a tanto, arrivare ad apprezzare il vendere saponidetergentibrillantanti o altro.
S'interroga e s'indigna e altre cose con s'i. Ma non si fa problemi per quel che dice perchè ha fatto dell'incoerenza sua bandiera. Per questo apprezza comunque il ricevere dei soldi o buoni pasto.

domenica 22 novembre 2009

La realtà supera la fantasia

Proprio all'ultimo giro tra l'altro, sul rettilineo finale

martedì 17 novembre 2009

Una Lezione di Ionesco


Professore: Proseguiamo signorina
Allieva: Sì professore
Professore: ... In virtù della quale, in quindici minuti, lei potrà acquistare le nozioni fondamentali della filologia linguistica e comparata delle lingue neospagnole.
Allieva: Oh sì professore (e batte le mani)

Professore (con autorità): Silenzio. Chi ha mai visto.
Allieva: Scusi, professore (lentamente rimette le mani sul tavolo)
Professore: Silenzio. (Si alza passeggia per la stanza, le mani dietro la schiena; di tanto in tanto si ferma in mezzo alla stanza o accanto all'allieva e accompagna le parole con un gesto della mano; egli conciona senza troppo accalorarsi)

L'allieva lo segue con gli occhi ed incontra, a tratti, una certa difficoltà a seguirlo, in quanto essa deve voltare molto la testa; una o due volte, non di più, essa si volta completamente.

Bisogna dunque sapere, signorina che lo spagnolo è la lingua madre da cui sono nate tutte le lingue neospagnole, fra cui lo spagnolo, il latino, l'italiano, il francese, il portoghese, il rumeno, il sardo o sardanapalo, lo spagnolo e il neospagnolo, e anche, per certi aspetti, il turco stesso, benchè più vicino al greco, fatto d'altronde perfettamente logico, in quanto la Turchia è vicina ala Grecia e la Grecia è più prossima alla Turchia di quanto non lo siamo noi due: questa non è altro che la dimostrazione di una legge linguistica molto importante, secondo la quale. geografia e filologia sono sorelle gemelle. Può prendere appunti signorina.


Allieva (con voce spenta): Sì, professore.
Professore: Ciò che distingue le lingue neospagnole tra loro e i loro idiomi dagli altri gruppi linguistici, come i gruppi di lingue austriache e neoaustriache o asburgiche, come pure dai gruppi esperantista, elvetico, monegasco, svizzero, andorrano, oppure ancora i gruppi di lingue diplomatiche e tecniche, ciò che le distingue, dico, è la loro rassomiglianza impressionante, la quale fa sì che a mala pena possano essere distinte l'una dall'altra, parlo delle lingue neospagnole tra loro, le quali ad ogni modo si può pervenire a distinguere mercè i loro caratteri distintivi, prova assolutamente irrefutabile della strada della straordinaria rassomiglianza che rende incontestabile la loro origine comune, e che, al contempo, le differenzia profondamente, in virtù di quei tratti distintivi di cui ho parlato.

Allieva: Oooh. Sì professore.
Professore: Non indugiamo però sui concetti generali...
Allieva (dispiaciuta e sedotta): Oh, professore.
Professore: Queste cose han l'aria d'interessarla. Tanto meglio, tanto meglio.
Allieva: Oh, sì professore
Professore: Non si preoccupi, Signorina. Ci ritorneremo più tardi. A meno che non ci si torni mai più. Chi potrebbe dirlo?
Allieva: Oh, sì professore

venerdì 13 novembre 2009

There is a fault in reality

Questi non so chi sono ma sono proprio bravissimi.

famosissima sezione Video


CHOP CUP from :weareom: on Vimeo.



Li contatteremo attraverso uno dei nostri uffici stampa, faremo scrivere la mail dal nostro ufficio marketing e brand potability. Faremo prima un indagine accurata al sert, o ad un circolo arci. Quando avremo in pugno il potere d'acquisto dei nostri nemici gli venderemo il prodotto peggiore al prezzo massimo al quale loro potranno arrivare, fino al punto da farseli prestare, i soldini.

Però poi non ricorderemo più di chi stavamo parlando piuttosto eh? ah, il video. Proprio bello sì. Portobello no.

Una bella offesa è: faccia di bronzo.

MUMMY FREEZY LENNY GO


Quel che avrebbe dovuto essere mostrato tempo fa, è mirabile visione e opera gran registica di Jean Gueguen (in foto sotto) per Mustela Vision e con una lontana collaborazione di uno degli uomini di CasaEditriceGigante.

Tutto nacque all'incirca là sopra, come si può vedere in foto all'incirca là, l'idea dico, è nata là, là, là dove c'è la foto, cioè, là dove è stata fatta la foto rubata a uno di flickr che non sappiamo bene, un certo SthepaneD, lo linko solo per etica net altresì detta netiquette.

Ecco il Video, attenzioneattenzione MUMMY FREEZY LENNY GO.

Mummy freezy lenny go from Mustelavision on Vimeo.



Jean Gueguen è un uomo che danza su un ramo che si spezza ogni giorno

mercoledì 11 novembre 2009

Non è attualità, è bolzano credo



Ogni tanto chiudendo le due porte a vetri rimane una farfalla all'interno. Tutta la notte gira e sbatti, gira e sbatti, da vetro a vetro. E chissà il giorno dopo.

lunedì 9 novembre 2009

Bruno Laporte è morto

In realtà un po' di giorni fa, il 25 ottobre, il disegnatore canadese Bruno Laporte è morto in un incidente in parapendio. Un ignaro membro di CasaEditriceGigante ha comprato alcuni di questi albi giusto la settimana scorsa. Divertito nella lettura e incuriosito dall'autore guarda su google e scopre che è morto da poco. Si tocca le palle di ferro e ci dedica un post. Questo post.

sabato 7 novembre 2009

Jérémy Clapin e basta con 'sti video

Visto lo strepitoso successo dell'ultimo video, decidiamo di esagerare e postare anche questo, la casa editrice tutta ringrazia Enrico Massone per la preziosa segnalazione spostata di 91 centimetri.

Il video è di Jérémy Clapin, dura un po' di più di quello dell'altra volta ma cribbio, se non abbiamo tempo nemmeno di vedere una robina carina allora che ci stiamo a fare a 'sto mondo? E' purtroppo vero che se tutti avessero un blog da aggiornare e un lavoro da fare, avrebbero poco tempo da dedicare ai video proposti negli altri blog... pensiamoci.

Non importa, ecco di seguito la:
papparappà

fa
mosissima sezione Video

Skhizein (Jérémy Clapin,2008)


mercoledì 4 novembre 2009

Destra e sinistra

Stavo giusto pensando che se avessi due gambe destre comunque ci sarebbe una gamba destra e una sinistra.
Proprio un casino.
E qualcuno poi la butterebbe in politica.
Meglio quindi avere una gamba destra e una sinistra.

lunedì 2 novembre 2009

Sogliole

Questo è un pezzone fatto dal mitico robbe e noi abbiamo pensato bene di metterci una scrittarella sotto






in preda ad un'irrefrenabile voglia evolutiva, la sogliola non si considera più animale marino ma piuttosto, quadrupede terrestre a tutti gli effetti.
Con arroganza se ne sta schiacciata sul fondale aspettando il certificato di avvenuto cambio di residenza e auspicando una rapida mutazione che la porti ad avere le zampe. Nel frattempo ha spostato entrambi gli occhi sul fianco per non dover vedere quel terribile inestetismo che, a parer suo, sono le sue pinne

domenica 1 novembre 2009

Eserciti a confronto (Yessir VS Sìssignore)

Casa editrice Gigante ha investito sette milioni per la creazione di un libro sugli eserciti mondiali.
L'autore, Dott. Teullonio, è purtroppo morto in un terribile incidente con una stufa proprio come successe alla signora svizzera qui. Poveretta, doveva essere simpatica.

Comunque la prima constatazione a dimostrare la superiorità dell'esercito inglese è l'uso delle sillabe nel dire Yes Sir, contro l'italiano Sìssignore. Gli inglesi ci battono con due sillabe contro quattro, questo significa che già nell'accettare un ordine impiegano la metà del tempo che impiegherebbero i colleghi italiani.
Qui si ferma il Dott. Teullonio.