giovedì 27 aprile 2017

Arsenio Bravuomo - la mia r

la mia r
giro in bici,
guardo pochissima tv,
leggo molti libri e molti blog,
amo i miei amici,
non taggo nessuno invano a sua insaputa,
non evado le tasse per quanto inique,
mangio poco,
bevo molto ma una volta a settimana,
non vado a votare da quando c’è il porcellum,
gioco coi bambini,
giro in bici anche sottozero,
saluto per primo,
non lascio la merda di cane per terra
(certo il fatto che non abbia un cane mi semplifica la vita,
ma forse ho nessun cane perché poi dovrei raccogliere le sue deiezioni
e siccome non ci ho voglia allora niente cane)
scrivo, scrivo menate,
scrivo quel che penso,
penso, alle volte penso persino, almeno credo.
amo la scuola, per quanto imperfetta.
studio.
vorrei che tutti studiassero.
vorrei che tutti scrivessero.
e leggessero.
e facessero di conto.
dico sempre grazie.
ho no bisogno di leader,
non odio nessuno.
(tranne quelli che hanno un cane e non gli raccolgono la cacca)
vado a lavorare in bici.
questa è
la mia rivoluzione

venerdì 21 aprile 2017

Leggiamo Cooperativo Poetry Slam / Fuori Tempo di Libri


Reading, laboratori, poetry slam, giochi, degustazioni e conversazioni. Il 22 aprile saranno tanti i modi di vivere cooperativo, unendo letteratura e cibo, assieme ad ospiti e amici della cooperazione che si alterneranno nel corso della giornata, nell’Auditorium di Radio Popolare in Via Ollearo 5 a Milano.
EVENTO COMPLETO: Leggiamo cooperativo
https://www.facebook.com/events/131184330754752/

E POETRY SLAM FU!
La roboante sfida tra poeti, scrittori, giocolieri di parole e tutto quanto ne sia affine!
Presenta la sfida il maestro cerimoniere Davide ScartyDoc Passoni

Slammer:
Alessandro Burbank 
Stefano Messina
Francesco Deiana
Marko Miladinovic
Filippo Balestra
Ciccio Rigoli
Gianmarco Tricarico
Anna Mosca

Ospiti performanti
il pluridecorato poeta Paolo Agrati
il duo eccentrico EELL SHOUS

Il pubblico sarà giuria di qualità della sfida
LA SIFDA È INCLUSA NEL CAMPIONATO NAZIONALE DI POETRY SLAMLIPS - Lega Italiana Poetry Slam e Poetry Slam Lombardia

L’iniziativa a ingresso libero è organizzata dall’Alleanza delle Cooperative dell’Area Cultura, Turismo, Comunicazione e Circoli della Lombardia in occasione della fiera dell’editoria “Tempo di libri”, alla sua prima edizione milanese.

Programma completo
SABATO 22 APRILE
Ore 10,30: L'Alleanza Cooperative Lombardia incontra le Cooperative dell'AreaCultura,Turismo Comunicazione e Circoli con la partecipazione del Presidente Luca Bernareggi
Ore 12,30: Buffet Cooperativo con sorpresa.
Ore 14,30: Laboratorio Artoo con Cooperativa Alchemilla (Mi)
Coop Lombardia accompagnerà il laboratorio con assaggi di "Succhi di Pace"
Ore 17,30:Aperitivo cooperativo con Altreconomia “Il suolo sopra tutto”
Dialogo tra un sindaco e un urbanista in difesa del territorio, gli autori del libro, Matilde Casa e Paolo Pileri, in un confronto aperto al pubblico.
Ore 18,30: Renato Sarti del Teatro della Cooperativa ( Mi) leggerà Thomas Bernhard. Il Reading sarà allietato da assaggi di vino e degustazioni alimentari di Cooperative.
Ore 21,00: Poetry Slam 8 provenienti da diverse regioni d'Italia si sfideranno all'ultimo verso. Ospiti: Paolo Agrati e Eell Shous. Quando la poesia dà spettacolo. Il Reading sarà allietato da assaggi di vino e specialità alimentari di Cooperative.

venerdì 31 marzo 2017

POETI PIRATI | Sergio Garau

Exopotamia, in collaborazione con Pirata Studio, ospita una rassegna con i più interessanti poeti appartenenti alla piratesca scena della poetry slam.

▼▼▼

4 appuntamenti di poesia orale
ossia
poesia letta ad alta voce
ma anche
poesia performativa
cioè
poesia letta ad alta voce e usando il corpo tutto
comunque
poesia poetica
poesia poetica?
poesia poetica
cioè?

▼▼▼

:: 15 marzo Andrea Fabiani con "La mia vita qualunque" (Già andata in scena)
:: 22 marzo Filippo Balestra con "poesie normali" (Già andata in scena)


:: 29 marzo Sergio Garau con "I O Game Over"
:: 5 aprile Andrea Bonomi con "Sequestri di persona finiti bene"

▼▼▼

terzo appuntamento con SERGIO GARAU


::: SINOSSI
lo spettacolo che ha girato tra i festival più prestigiosi di teatro e poesia del mondo riscuotendo sempre uno scoppiettante successo, dalla Comédie Française al Fringe di Edimburgo, dal Festival di Poesia dell'Avana all'Ordsprak di Uppsala passando per i locali più caldi delle isole mediterranee e d'oltremanica e tropicali e di Rio de Janeiro e Salvador de Bahia e Buenos Aires.

"geniale" Alberto Masala, ottimo poeta (festa della letteratura e delle arti, Sardegna, 2009)

"complimenti" Nanni Balestrini, ottimo poeta (settimana letteraria di Torino, 2004)

"you rocked" Saul Williams, poeta rock star (Absolute Poetry Festival, Monfalcone, 2010)

"ti consigliamo un reading di Sergio Garau" Wired, rivista (maggio 2011).

"se si facesse un videogioco con i poeti slam come personaggi tu saresti quello che si muove e tira i colpi velocissimamente" Dani Orviz, pluricampione europeo e spagnolo di poetry slam (Slam d'Europe 2012)

"brilliant" Harry Baker, campione del mondo di poetry slam (in più occasioni)

"his multilingual pieces challenge preconceptions of what spoken word can be and leave audiences wondering what just happened" Apple and Snakes, più importante organizzazione di spoken word nel Regno Unito (Hit the Ode, 2011)

"yeah! that's how I was expecting an italian slam poet shoudl be! much much better than Giacomo Sandron" Jan Jilek, ottimo poeta di Praga (Poetry Slam Internazionale di Madrid, 2014)

"non mi è piaciuto" un italiano gran lettore di poesia (H.O.R.I.N.A.L., Barcellona, 2009)

"PUT! IN! PULL! OUT! SERGIO! PUT! IN! PULL! OUT!" Zurab Rtveliashvili, poeta georgiano rifugiato in Svezia sul palco dell'Ordsprak Festival di Uppsala, 2011

"lei è pazzo" sparajurij, ottimo laboratorio (riunione nello spazio, 2001

lunedì 27 marzo 2017

Ma che bel castello - Alessandra Racca

Ma che bel castello
Decidi per bene
cos'è e cosa non è poesia
definisci i contorni senza ombra di dubbio
mettici attorno un bel muro
un fossato
non dimenticare il filo spinato
fatti soldato e cerca guardiani
per sorvegliare
che nulla possa sfuggire
al fuoco della definizione
crea un potente bastione, una torre
poderosa e potente
chiudi la sera il portone alle genti
straniere, anzi non fare entrare nessuno
che non sia almeno Qualcuno
serra la porta, butta la chiave
e poi fai lunghi sonni tranquilli
dormi indisturbato:
sporca, scalmanata
la vita sta fuori, indefinita.

Incroci poetici @il modernista - Pavia || Fabiani+Balestra

paura
Gli Incroci Poetici sono una serie infinita di bivi in cui si può fare quel che si vuole. Si può andare di qua o di là, liberamente. Si può anche stare fermi, va bene lo stesso. Svoltando a un incrocio poetico si può finire dovunque: in una grotta piena di orsi o nel centro di Oslo, ci si può ritrovare nel deserto del niente o a chiacchierare con un anziano, guardando un cantiere, ci si può fare uno shampoo, proprio lì, o fabbricare una nuvola. 
L'unica regola è non rispettare le regole. Perché gli incroci poetici son così: non ci sono semafori, non ci sono precedenze da dare, striscie pedonali da rispettare, stop, vigili, niente. Solo poesie.

Filippo Balestra 
è di Genova dal 1982.
Da molto tempo si occupa di scrittura e scritture, un po' sceneggiatura per fumetti, un po' per certi tipi di cinema, ma soprattutto poesia da portare in giro ad alta voce. È redattore della rivista Costola, antologia di racconti illustrati e nel 2015 ha pubblicato per Miraggi Edizioni la sua raccolta "poesie normali".

Andrea Fabiani
nasce a La Spezia, nel maggio del 1978, da una maestra, figlia di una maestra, figlia di una maestra. Ragion per cui fosse nato femmina ora farebbe la maestra. Però è nato maschio.
Scrive robe che sembrano delle poesie. E poesie che sembrano dei racconti. E racconti che non si sa cosa sembrino.
Ha pure pubblicato un libro, di poesie prevalentemente d’amore, che s’intitola “Volevo solo non scrivere poesie d’amore”.
Ha paura di tutto ciò che vola ed è più piccolo di un panino.
Non mangia cioccolata. No non è allergico, è proprio che non gli piace il sapore

venerdì 24 marzo 2017

POETI PIRATI | Filippo Balestra

Exopotamia, in collaborazione con Pirata Studio, ospita una rassegna con i più interessanti poeti appartenenti alla piratesca scena della poetry slam.

▼▼▼

4 appuntamenti di poesia orale
ossia
poesia letta ad alta voce
ma anche
poesia performativa
cioè
poesia letta ad alta voce e usando il corpo tutto
comunque
poesia poetica
poesia poetica?
poesia poetica
cioè?

▼▼▼

:: 15 marzo Andrea Fabiani con "La mia vita qualunque" (Già andata in scena)

:: 22 marzo Filippo Balestra con "poesie normali"
:: 29 marzo Sergio Garau con "I O Game Over"
:: 5 aprile Andrea Bonomi con "Sequestri di persona finiti bene"

mercoledì 15 marzo 2017

MACAO-POETRY-SLAM #2

MACAO Poetry SLAM: il torneo di Poetry Slam di Milano
Dalle 22.00 @ M^C^O Macao

La poesia come non l’avete mai vista!
Un microfono, un poeta - e la sua voce, testi, corpo. Una giuria scelta casualmente tra il pubblico che stabilirà la poesia e la performance migliore. Il tutto coordinato da due Maestri di Cerimonia bizzarri, Paolo Agrati e Davide ScartyDoc Passoni.

Round #2 con:
Francesca Gironi
Piero Negri
Arsenio Bravuomo
Rebecca Maslowsky
Filippo Balestra
Alessandro Burbank
Enrico Pittaluga Rubaluva
Alfonso Maria Petrosino

In collaborazione con:
SLAM
Poetry Slam Lombardia LIPS - Lega Italiana Poetry Slam MinamoroSanteria Paladini 8

lunedì 13 marzo 2017

POETI PIRATI | Andrea Fabiani


Exopotamia, in collaborazione con Pirata Studio, ospita una rassegna con i più interessanti poeti appartenenti alla piratesca scena della poetry slam.

▼▼▼

4 appuntamenti di poesia orale
ossia
poesia letta ad alta voce
ma anche
poesia performativa
cioè
poesia letta ad alta voce e usando il corpo tutto
comunque
poesia poetica
poesia poetica?
poesia poetica
cioè?

▼▼▼

:: 15 marzo Andrea Fabiani con "La mia vita qualunque"
:: 22 marzo Filippo Balestra con "poesie normali"
:: 27 marzo Sergio Garau con "I O Game Over"
:: 5 aprile Andrea Bonomi con "Sequestri di persona finiti bene"

▼▼▼

Primo appuntamento con ANDREA FABIANI

::: BIO BREVE
Andrea Fabiani nasce a La Spezia, nel maggio del 1978, da una maestra, figlia di una maestra, figlia di una maestra. Ragion per cui se fosse nato femmina ora farebbe la maestra. Però è nato maschio.
Comincia a scrivere alla tenera età di sei anni. Come tutti. Dopo cinque anni di pensierini delle elementari, abbandona, sdegnato il genere. Ora scrive robe che sembrano delle poesie. E poesie che sembrano dei racconti. E racconti che non si sa cosa sembrino.
Alcune di queste cose le ha pure pubblicate, qua e là, su siti e riviste. 
Ha pure scritto un libro di poesie, prevalentemente d’amore, che s’intitola “Volevo solo non scrivere poesie d’amore”.
Fa parte del Collettivo Linea S e del gruppo poetico dei Mitilanti.
Ha paura di tutto ciò che vola ed è più piccolo di un panino.
Non mangia cioccolata. No non è allergico, è proprio che non gli piace il sapore.

::: SINOSSI
Un poeta in scena ripercorre le tappe della sua vita, dalla nascita fino alla morte. È infatti così uguale a tutte le altre, la sua vita, così qualunque che se ne può vedere anche la parte che ancora non è stata vissuta.
Racconti e poesie descrivono esperienze uniche nella loro particolarità, ma assolutamente comuni: le piccole discriminazioni dell’infanzia, gli innamoramenti folli, i sabati all’Ikea, le separazioni, le mancanze, le piccole frustrazioni lavorative, i cantieri stradali, l’ingresso nel regno dei morti.
Insomma: quelle cose che son successe e succederanno a tutti.