mercoledì 26 gennaio 2011

Carlos Fuentes Sporcaccione

Fuentes guarda all'Italia stupefatto.
 Sempre.
Poi a volte attonito, spesso.
Dall'introduzione di "Geografia del romanzo" di Carlos Fuentes (1993):

"Oggi, nelle baracche dello stato di Veracruz abbondano le antenne paraboliche che offrono al più umile dei contadini la libertà di scegliere fra ottanta programmi televisivi in tutto il mondo e un campionario femminile che va dalla signora Tatcher a Cicciolina. Non mi soffermerò a discutere se questo fatto sia positivo o negativo per il tagliatore di canna di Veracruz che ha spesso il televisore ma non ha l'acqua potabile. Vorrei mettere a confronto, rapidamente, la facilità e l'abbondanza dell'informazione e la miseria della vita con l'ignoranza diffusa che separa le culture nei paesi della prospera e unita Comunità Europea: gli inglesi disprezzano la cultura in vigore in Francia, i francesi ignorano la cultura spagnola, gli spagnoli disconoscono la cultura scandinava e gli scandinavi poco sanno dei movimenti della cultura italiana, escludendo, forse, quelli della pornodeputata summenzionata."

Ci chiediamo cosa intendesse questo Fuentes con "movimenti della cultura italiana"

In foto: un'altra delle inarrestabili donne nude (o in procinto di spogliarsi).

5 commenti:

  1. fuentes è il corrado augias dei fratelli taviani

    RispondiElimina
  2. Potremmo tranquillamente metterci samuel l jackson in mezzo.. quello che ha fatto quel film

    RispondiElimina
  3. http://ferroviedellostatoreclami.blogspot.com/2011/01/passiflora-tulle-e-donne-mestrue.html

    se non hai da vivere vite parallele contiguamente a Battiato, o fare i soliti sgarri alle industrie del caffe, leggiti il post del Blog.

    RispondiElimina
  4. utopia ,per chi ci spera!!!

    RispondiElimina
  5. noi qui si legge sempre tutto, pure tutto--!

    RispondiElimina